Un seminario a Madrid per la digital education

Written by
INted15

A Madrid,  dal 2 al 4 marzo 2015 si svolge qualcosa di più di un seminario, una tre giorni per presentare   le esperienze  che riguardano l’Education coniugata in maniera creativa con le nuove tecnologie. Un evento che, a loro dire, coinvolge 700 delegati provenienti da 80 diversi paesi. Si chiama  INTED 2015 è una  piattaforma per discutere i più attuali sviluppi nel campo dell’insegnamento e dell’apprendimento delle metodologie, con la presentazione di  progetti educativi e le innovazioni e le nuove tecnologie applicate all’istruzione. L’obiettivo è di  condividere tutte le esperienze con altri esperti in un ambiente internazionale.
Spulciando il programma di questi giorni (oggi 3 marzo  siamo alla seconda giornata)  divise in macroaree-   Esperiences in Education; Challenges in Education and Research ; New trends in Education ;  Emerging Technologies in Teaching and Learning – si possono leggere i paper, o  avere accesso almeno ad un abstract delle presentazioni di progetti che riguardano tutto il cambiamento che l’Education sta operando attraverso Mooc, gamification, blending Learning, flipped classroom, realtà aumentata,inclusione e diversity in education, e altro… Le università che intervengono da tutto il mondo,  tante dall’Europa dell’Est, ma anche dal Sud Africa, dalla Turchia, Germania, Messico, Svezia, pur restando numerose le istituzioni e le accademie spagnole, mostrano un panorama ricco, che sta lavorando molto seriamente su questi temi. Sembra manchi loro un po’ di buona comunicazione. Probabilmente la faranno nei loro Paesi. C’è un Twitter account @INTED2015 e un hashtag  .  Nella sessione Inclusive Learning, coordinata da Roxana G. Reichman Gordon Academic College (ISRAEL), l’Università di Urbino presenta una metodologia innovativa d’inclusione attraverso un metalinguaggio, che non utilizza le parole ma dei simboli, e ne fa un serious game da programmare,  dove protagoniste sono delle carte da gioco: Unplugged language-neutral card games as an inclusive instrument to develop computational thinking skills.

Article Categories:
Opportunità

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title